domenica 28 dicembre 2008

# vazio

Não há palavras para descrever o vazio que sentimos...é o vazio que deixam as pessoas que se foram para nunca mais voltar. Uma das pessoas mais importante, o talvez a mais importante, da nossa vida foi, foi para sempre e nos ficamos impotentes, sempre com aquela frase na cabeça "gosto de ti... saibas que eu estou sempre aqui, não te deixo sozinha...vamos fazer muitas coisas, eu sei...temos que encontrar-nos, há muito tempo que não te vejo..liga-me..." e se não o fizeste como podes fazer agora? Arrancaram-me outra vez o coração, e o deitaram fora, e agora não sei que fazer...neste momento gostava de voltar atrás no tempo, três dias seriam suficientes, ou então um mês, para ver a sua cara...não consigo pensar no que aconteceu, não consigo... ou talvez não quero...

"Espáduas brancas palpitantes:
asas no exilio dum corpo.
Os braços calhas cintilantes
para o comboio da alma.
E os olhos emigrantes
no navio da pálpebra
encalhado em renúncia ou cobardia.
Por vezes fêmea. Por vezes monja.
Conforme a noite. Conforme o dia.
Molusco. Esponja
embebida num filtro de magia.
Aranha de ouro
presa na teia dos seus ardis.
E aos pés um coração de louça
quebrado em jogos infantis."

Natália Correia, Auto-retrato, Poesia Completa, Publicações Dom Quixote 1999

adeus chefa...

João Gilberto & Tom Jobim - Corcovado



Um cantinho
Um violão
Este amor
Uma canção
Pra fazer feliz
A quem se ama.

Muita calma pra pensar
E ter tempo pra sonhar
Da janela vê-se o Corcovado
O redentor
Que lindo!

Quero a vida sempre assim
Com você perto de mim
Até o apagar
A velha chama.

E eu que era triste
Descrente deste mundo
Ao encontrar você
Eu conheci
o que é felicidade
Meu amor


Tom Jobim

venerdì 26 dicembre 2008


Espero seja um feliz natal para todos...
quem lê o meu blogue sabe o quanto eu goste deste momento.. mas pronto para exorcizar todos os maus momentos e os maus pensamento desejo um feliz natal, e em anexo um ano novo cheio de surpresas...naturalmente boas!!!

contessina dixit

mercoledì 24 dicembre 2008

Trama tenue

Nel buio si rende immobile
Si sottrae al mio sguardo debole
Di ghiaccio carezza il mio viso …
… e mi chiude …

Stretti in vita i giorni
intrecciati come fossero nervi scoperti
qui solo pensieri fuggenti
Trama Tenue a sciogliersi piano

Tenue Trama sorride
Si fa vento e mare
Spirito chiaro sale
Flebile soffio che vibra intorno

Mi accorgo del silenzio, adesso
Del tempo che ha ucciso nel sonno
Pensieri che piangono ciò che potrebbero essere
E che non saranno mai

Tenue Trama sorride
Si fa Vento e Mare
Spirito chiaro sale
Flebile soffio che vibra intorno

Ginevra di Marco

domenica 21 dicembre 2008

as tentações da Assírio & Alvim...


...na Biblioteca Poesia Portuguesa Escolhida encontra alguns dos nossos melhores poetas?
Leve para casa Alexandre O'Neill, Almada Negreiros, Ângelo de Lima, António Maria Lisboa, Camilo Pessanha, Carlos de Oliveira, Fernando Pessoa, Luís de Camões Mário Cesariny, Mário de Sá-Carneiro, Ruy Belo e Teixeira de Pascoaes a preço de feira: 180 € (poupa 109 €).












...a Biblioteca Pequenos Tesouros da Literatura reúne 50 títulos, publicados na colecção de livros de bolso Gato Maltês?
Ao comprar esta Biblioteca poupa mais de cem euros, pois o seu preço real é 329,50 €, mas com esta promoção pode adquiri-la por 200 €.

fonte: http://www.assirioealvim.blogspot.com/

sabato 20 dicembre 2008

Ginevra di Marco- Canto dei Sanfedisti

# la verità...

"Qualche volta devo consolarmi con il fatto che chi ha vissuto una bugia ama la verità"
Ingmar Bergman

Não gostava do Natal.
Esta para ela era uma daquelas alturas em que, enquanto todo o mundo encontra uma forma de festejar, ela chorava. Aquelas lágrimas eram de absoluta tristeza por estar longe do que mais amava. Até quando um dia, o que mais queria escolheu dizer a verdade, ou seja ela consegui que o milagre acontecesse!! Faltava pouco, só mais duas semanas e o que mais desejavam finalmente podia acontecer. Os esforços, os sonhos, podiam tornar-se agora realidade. Mas, pelo contrario, se tornaram algo de irreal, aliás um verdadeiro pesadelo! Aquela verdade tinha que ser dita antes... Estava escondida atrás daqueles sonhos feitos juntos. Agora a chave daquele castelo de areia estava entregue... aos beneficiadores a escolha... e a escolha foi clara, e para sempre... houve quem fez sacrifícios e quem sofreu muito, claro para depois renascer, mas mesmo assim foram muitas magoas...muita tristeza e um pesadelo, o Natal... é por isso que agora ela odeia o Natal...
Feliz Natal a todos

mercoledì 17 dicembre 2008



Fernando Aguiar, "Desbravando os Caminhos do Texto", 1980

fonte: http://ocontrariodotempo.blogspot.com/

dal blog di Marco Cazzato



POSTFUTURO, il libro di Pierluigi Sullo (direttore di CARTA)
con la copertina di Marco Cazzato.

Questo libro è una lettera: racconti, idee, una conversazione con i nuovi cittadini, con coloro che possono fermare la catastrofe lenta e fondare un altro modo di vivere.

fonte: http://sessantanotturno.blogspot.com/

Il 19 (dicembre) alle 19:00

Festeggiamento del Primo anno di attività dell'Associazione Centro Namaste
Spettacolo poetico- musicale

Bibliotecas Assírio & Alvim

No meio do desespero e das más notícias há sempre algo de positivo que pode mudar o andamento do nosso dia... leio e encaminho...:

Boas notícias para quem não vive em Lisboa: agora já pode aceder às Bibliotecas Assírio & Alvim, pois elas estão disponíveis para compra online, em assirio.pt

Para ver que livros integram estas bibliotecas, consulte o nosso site ou a brochura em pdf, no Scribd.

fonte: http://www.assirioealvim.blogspot.com/

domenica 14 dicembre 2008

sabato 13 dicembre 2008

JP Simões & Luanda Cozetti - Se Por Acaso



Se por acaso me vires por aí
Disfarça, finge não ver
Diz que não pode ser, diz que morri
Num acidente qualquer
Conta o quanto quiseste fazer
Exalta a tua versão
Depois suspira e diz que esquecer
É a tua profissão

E ouve-se ao fundo uma linda canção
De paz e amor

Se por acaso me vires por aí
Vamos tomar um café
Diz qualquer coisa, telefona, enfim
Eu ainda moro na Sé
Encaixotei uns papeis e não sei
Se hei-de deitar tudo fora
Tenho uma série de cartas para ti
Todas de uma tal de Dora

E ouvem-se ao fundo canções tão banais
De paz e amor

Se eu por acaso te vir por aí
Passo sem sequer te ver
Naturalmente que já te esqueci
E tenho mais que fazer
Quero que saibas que cago no amor
Acho que fui sempre assim
Espero que encontres tudo o que quiseres
E vás para longe de mim

E ouve-se ao fundo uma velha canção
De paz e amor

Na sexta-feira acho que te vi
À frente da Brasileira
Era na certa o teu terno (fato) azul
E a pasta em tons de madeira
O Tó talvez queira te conhecer
Nunca falei mal de ti
A vida passa e era bom saber
Que estás em forma e feliz

E ouve-se ao fundo uma triste canção
De paz e amor

Pessoa & Companhia

é sempre com imenso prazer que encaminho as novidades e os eventos organizados pelos meus amigos da Assírio&Alvim...



A Assírio & Alvim assinala os 120 anos do nascimento de Fernando Pessoa com várias exposições de pintura dedicadas à sua obra.
Visite-as no Largo de São Carlos, em Lisboa, na galeria do edifício onde o poeta nasceu, sede da ABBC- Azevedo Neves, Benjamin Mendes, Bessa Monteiro, Carvalho e Associados, Sociedade de Advogados.
A Primeira exposição- A Passagem das Odes- com pintura de Pedro Proença, é inaugurada no próximo dia 15 de Dezembro, segunda- feira, pelas 18h30m, e prolonga-se até à primeira semana de Fevereiro.
No espaço da exposição, a Assírio & Alvim dispõe para compra de toda a obra de Fernando Pessoa e outras publicações.

Largo de São Carlos, n° 1- Lisboa
diariamente, das 12h às 22 h

fonte: http://assirioealvim.blogspot.com/2008/12/pessoa-companhia.html

lunedì 8 dicembre 2008

#até já

Vou... mais uns dias para mim e para quem esperou tanto tempo...
Faz bem viajar, encontrar pessoas e ver o que se passa em outros lugares. Pode ser útil por imensas coisas, como por exemplo renascer...todos, quando chega uma certa altura, precisamos de algo de novo ou de renovado, e precisamos de renascer, para voltar mais bonitos (falo da alma...)...é também o sentido daquela palavra que esta sempre comigo, escrita na minha pele, assim como aquela sensação e aquela necessidade que tenho de voltar a nascer quando as coisas me deitam em baixo...
Até já...

imagem: Mário Cesariny

domenica 7 dicembre 2008

"Il volto è tutto, sulla faccia della gente c'è la storia che stiamo vivendo, l'affanno dei giorni. La portiamo incisa più dei fatti che ci accadono in presa diretta o che avvengono lontano: noi siamo la vera pellicola della realtà; e io la dipingo."

Renato Guttuso, 1971.

Autoritratto, 1943.

fonte: http://www.guttuso.com/

Babel- Radiodervish feat Caparezza



Vedi amore mio
Hanno rubato la luce del cielo
Il mio esilio
E’ questa terra
Ormai senza pietà

Se fossi vento
traccerei un sentiero
Che porta alla primavera
Tace Sheherezade
Infinita nostalgia

Rabbia
Di sabbia d’Arabia in gabbia
Chi comanda non cambia
Ti tenderà una mano ma che sanguina
Mette i suoi uomini
Nella sala comandi ma
Se vuole il cuore tu non lasciare che l’abbia

Prendilo per i capelli
Rendi i ribelli fratelli
Butta i granelli negli occhi
Dei satelliti
Meriti più della faccia finta più
Della gente tinta che
Continua a dire troppe falsità su di te

La sera è rimasta senza le stelle
E’ tempo degli dei del ferro
Gli angeli hanno abbandonato la terra
Smisurato silenzio

Gioisca colui che riesce a vedere la luce nell’oscurità
E toccare l’alba nelle gocce di rugiada
Gioisca colui che desidera ancora dal cielo
Un varco per la speranza

E non rimangono che nuvole di polvere
Cumuli di colpe che un golpe si fanno assolvere
Il vento soffia dall’ovest e già diffonde
Le solite menzogne che sparano dal fronte

Chi sta lontano distratto
Da uno schermo che è piatto
D’un tratto non sa che rispondere
Ma chi è civile ci vive tra le bombe
Crollano le forze aumentano le collere

La sera è rimasta senza le stelle
E’ tempo degli dei del ferro
Gli angeli hanno abbandonato la terra
Smisurato silenzio

Gioisca colui che riesce a vedere la luce nell’oscurità
E toccare l’alba nelle gocce di rugiada
Gioisca colui che desidera ancora dal cielo
Un varco per la speranza

Yara

Nube bianca
Lei si bagnò
Come rugiada
Con le ali lui l’asciugò
Le disse Yara
E non tornò mai più

Yara isù ise, Yara isù ise
Yara isù ise,tis m’anàtti pan fotìa
Yara tu sei idea di dei
Yara tu sei la luce nei vuoti miei

Èi s’ammàtia vasilìe
T’asterà ta trechastà
Tàlasse prichè me lissìe
Chòmata zzennorimmèna

Resta qui e fai cantare
Il cuore nel profondo
Resta qui
E sogna dentro me
Vaddhi attì sa loja tis
Agàpi-su manechà
Respundèi
Sa loja tis cardìa

Yara tu sei idea di dei
Yara tu sei la luce nei vuoti miei
Yara isù ise, Yara isù ise
Yara isù ise , i fonì tunìs cardìa

E si ferma l’aria
Passaggi d’anima
Con la bocca sua, porpora
Divise il tempo
E non parlò mai più


Yara isù ise, Yara isù ise
Yara isù ise,tis m’anàtti pan fotìa
Yara tu sei idea di dei
Yara tu sei la luce nei vuoti miei

Radiodervish

sabato 6 dicembre 2008

Fantasmi da scacciare




Ci sono cose che a volte sfuggono. Visto che ritorno a Roma, mi piace l'idea di ricordare qualcosa di piacevole e interessante da rivedere...ecco, così, una sorta di promemoria sulla mostra "Fantasmi da scacciare" di Jean- Michel Basquiat..

Jean-Michel Basquiat (New York 1960-1988) crebbe in un ambiente familiare disgregato, lasciò presto la scuola e già nel 1977 si iniziò al mondo dei graffiti, dipingendo sui vagoni della metropolitana e in alcune zone di Soho. I suoi dipinti e le sue scritte avevano grande carica poetica e filosofica, ma soprattutto satirica. Lo pseudonimo SAMO, sigla di “same old shit”, con cui firmava quando dipingeva tag e graffiti, con messaggi criptici, fu decisivo nella sua vita.
La prima mostra di Jean-Michel Basquiat fu allestita nel 1980 in un magazzino abbandonato di New York e presentò opere d’arte realizzate da artisti punk e graffitisti. Le opere del “wild child” furono presto apprezzate dai collezionisti, ma il suo riconoscimento divenne ancora maggiore quando lavorò con Andy Warhol nel 1983 - 1984. Morì a 27 anni per overdose di eroina.

info: http://www.fondazionememmo.com/nuovo_sito/ita/incorso/mostra_incorso.asp

venerdì 5 dicembre 2008

O Natal já chegou à Assírio&Alvim

Bem se não aproveitarem destas ocasiões, não sei mesmo que fazer mais!!!!!
vocês que podem...a Assírio esta aí perto, façam bom proveito!!!! e já que estão podem comprar um livrinho para mim...ehehehe...

Já disponível para consulta, a brochura com informação sobre os pacotes de livros em promoção este Natal. Link na barra lateral direita ou aqui.

fonte: http://www.assirioealvim.blogspot.com/

5 e 6 dicembre arriva la Carovana Antimafie a Trapani

XII Carovana Antimafie

La Carovana antimafie di Libera, Arci e Avviso Pubblico è in viaggio per la penisola. La XII edizione della Carovana sarà dedicata al 60° anniversario della Costituzione e della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Democrazia, diritti e giustizia sociale i temi delle iniziative che segneranno le tappe in tutta Italia.

La Carovana, che sta viaggiando su due direttrici, nord e sud, è partita dalla Casa del Jazz di Roma il 13 ottobre 2008, subito dopo la conferenza stampa di presentazione che ha visto la presenza di Paolo Beni - presidente nazionale Arci, don Luigi Ciotti - presidente di Libera, Roberto Montà - vicepresidente di Avviso Pubblico, Salvatore Vecchio - familiare di vittima di mafia, e Roberto Morrione, presidente di Libera Informazione.

Di seguito il testo del manifesto/appello della Carovana che verrà fatto sottoscrivere dai cittadini che incontreremo durante le varie tappe:

Siamo insieme in carovana per…

Riaffermare i valori della Costituzione e della Dichiarazione universale dei diritti umani

Ricordare che la vera emergenza sicurezza in Italia sono mafie e corruzione

e chiediamo che...

Siano restituiti con maggiore celerità alla collettività i beni sottratti alle mafie e ai corrotti con progetti di sviluppo e di cittadinanza

Siano sostenute le vittime della criminalità organizzata e non, insieme ai loro familiari

Sia incentivato e tutelato il ruolo dei collaboratori e dei testimoni di giustizia

Siano denunciate le collusioni tra mafia e politica e colpiti i legami tra mafia ed economia

Siano contrastate le ecomafie introducendo nel codice penale i delitti contro l’ambiente

Sia riconosciuto ufficialmente il 21 marzo come la giornata nazionale dedicata a tutte le vittime delle mafie

Siano finanziate e rilanciate politiche educative e giovanili che promuovano una cultura della legalità democratica, della solidarietà e della giustizia sociale

Siano favoriti i processi di inclusione dei migranti che vivono nel nostro Paese e di quanti lasciano la propria terra in cerca di pace e lavoro.

Sia contrastata la riduzione in schiavitù, la tratta degli esseri umani ed il lavoro nero, attività legate agli interessi criminali delle mafie nel nostro paese

Sia approvata una riforma del sistema radiotelevisivo, a partire dalla RAI, che favorisca l’accesso alla libera informazione dei cittadini e fornisca notizie e approfondimenti sui temi delle mafie, della corruzione e delle battaglie per la legalità

Sia valorizzato il ruolo della partecipazione civile, antidoto all’esclusione sociale ed alle solitudini

questi sono i nostri impegni, questi diventano anche i tuoi impegni
se sottoscrivi questo appello!

fonte: http://www.bancaetica.com/NewsEventsDetail.ep3?ID=780609

dalla newsletter di Emergency (n.50, anno 2008)

MERCATINO DI NATALE a ROMA

A Roma si inaugura domenica 7 dicembre alle ore 17.00 la sesta
edizione romana de "Il Mercatino di Natale 2008 di Emergency".
All'inaugurazione sara' presente Vauro che ha illustrato il
Calendario
Emergency 2009.

Il mercatino si svolgera' dall'8 al 21 dicembre Presso il
Palazzo
dell'informazione AdnKronos a piazza Mastai 9 (Trastevere) aperto
tutti i giorni dalle ore 11.00 alle ore 20.00.

Al mercatino sara' possibile trovare, oltre ai gadget Emergency,
tessuti e oggettistica etnica proveniente dai paesi in cui
l'associazione lavora, alimenti biologici, vini e le decorazioni
hand-made realizzate da un gruppo di volontari di Roma.

Domenica 14 e domenica 21 amici del mondo dello spettacolo,
dell'informazione e della cultura racconteranno, a volte con ironia,
le realta' incontrate dall'associazione in questi anni.
Un'intera
giornata di favole, giochi e laboratori sara' invece riservata ai
piu'
piccoli: Domenica 14 dicembre ore 17.00: "Recinzioni", con
Johnny
Palomba.

Sabato 20 dicembre dalle ore 11.00 alle 18.00: Spazio dedicato a
bambini e ragazzi.

Domenica 21 dicembre ore 17.00: presentazione del libro "In
Darfur",
partecipano l'autore Lorenzo Angeloni, Marino Sinibaldi e
Niccolo'
Fabi.

I Fondi Raccolti attraverso le iniziative Natale 2008 contribuiranno a
sostenere il Programma regionale di Pediatria e Cardiochirurgia
avviato da Emergency in Africa.

[Mercatino di Milano
via Bagutta 12 (San Babila), dal 6 al 23 dicembre (orari: lunedi'
dalle
16.30 alle 19.30 e da martedi' a domenica dalle 10.30 alle 19.30).]

ADOTTA EMERGENCY ADOTTA UN OSPEDALE
http://www.emergency.it/docs/rid_x_emergencyn.pdf

info: http://www.emergency.it/

giovedì 4 dicembre 2008

dalla newsletter di Carta

*** Carta ha dieci anni. Facciamo festa? ***

Soci, abbonati, lettori, amici e parenti sono invitati a festeggiare con noi il compleanno di Carta, e ad augurarci insieme altri dieci di questi anni, con un aperitivo e qualche cosa da mangiare buona ed equa: giovedì 11 dicembre, dalle ore 18, a Carta, Sala Luigi Pintor [via dello Scalo di San Lorenzo 67, Roma]. Nell’occasione, parleremo anche del libro di Pierluigi Sullo, «Postfuturo», che di questi anni è una sorta di bilancio, con Eliana Bouchard, Giulio Marcon, Francesco Raparelli, Giovanni Russo Spena e chi vorrà dire la sua opinione. Per comunicare la vostra presenza scrivete a carta@carta.org

Per acquistare il libro on line:
http://bottega.carta.org/index.php?main_page=product_info&products_id=233

Per regalare invece altri due anni a Carta:
http://bottega.carta.org/index.php?main_page=product_info&products_id=233

info: http://www.carta.org

"Il pensiero mi abbandona a tutti i livelli. Dalla pura essenza del pensiero fino al fatto esteriore della sua materializzazione attraverso le parole. Parole, forme di frasi, direzioni interiori del pensiero, reazioni semplici dello spirito, sono alla costante ricerca del mio essere intellettuale"

Antonin Artaud

mercoledì 3 dicembre 2008

um pouco de... George Orwell

"La libertà intellettuale è una tradizione profondamente radicata, senza la quale è improbabile che esisterebbe la nostra cultura specificatamente occidentale. È una tradizione alla quale molti dei nostri intellettuali stanno visibilmente voltando le spalle" [...]
(da La libertà di stampa)

"Rivoluzione! Non posso dire quando questa Rivoluzione verrà: potrebbe essere fra una settimana o fra cent'anni; ma so, con la stessa certezza con cui vedo questa paglia sotto i miei piedi che presto o tardi giustizia sarà fatta. Compagni, in questo evento fissate il vostro sguardo per quel resto di vita che vi rimane! E soprattutto tramandate questo mio messaggio a quelli che verranno dopo di voi, in modo che le future generazioni proseguano la lotta fino alla vittoria"[...]
(Old Major, Capitolo I, da La fattoria degli animali)

lunedì 1 dicembre 2008

"Emanando da una matrice unica, Non Essere e Essere si differenziano solo per i loro nomi. Questa matrice unica si chiama Oscurità.- Oscurare questa oscurità, ecco la porta di tutte le meraviglie"

Tao Tê Ching