martedì 29 luglio 2008

Jodorowsky

«La nostra generazione attuale è un circo in cui i personaggi si dividono in 'augusti', clown e pubblico.
L'uomo panico è il clown; il cittadino che afferma una sola idea alla volta, cerca una sola soluzione per ogni problema e crede di 'essere', è l'augusto; l'immensa massa di sfaccendati inerti è il pubblico. Tuttavia ogni pubblico è un 'augusto' in potenza e ogni 'augusto' può evolversi in clown perché il mondo è panico.»

-Alejandro Jodorowsky nel suo "manifesto" del 1965 Verso l'effimero panico o trarre il teatro fuori dal teatro


ARTE MARCIAL


Una vez le preguntaron a un guerrero invencible por qué se paseaba por las calles con un aire tan humilde. Mostró una mano extendida y contestó: "Mis dedos son cinco señores. Estos cinco señores se inclinan ante mí". Fue cerrando la mano hasta convertirla en un puño. "Mientras más humildes se hacen, más fuerza me dan".

http://www.clubcultura.com/clubliteratura/clubescritores/jodorowsky/ocho02.htm

Nessun commento: